Magia contro Virus

Magia contro Virus

Contro il Covid-19 scende in campo la magia

♤♡◇♧

Psicologia clinica. L’illusionismo funziona per combattere ansia e tristezza. I prestigiatori italiani uniti in questa iniziativa.

Un’iniziativa di Stefano Di Pumpo, Carlo Alfredo Clerici e Sergio Testini

In questo periodo l’igiene più difficile è quella mentale. I decreti che prescrivono l’indispensabile arresto di molte attività quotidiane come il lavoro, lo studio e le relazioni dirette tra persone hanno creato l’esperienza di un tempo sospeso che rischia di produrre angoscia e sconforto.
Mai in Italia le giovani generazioni in età lavorativa e di studio avevano sperimentato una sospensione così grave e così prolungata delle possibilità di una società civile democratica e florida. Le famiglie si trovano inoltre in una convivenza obbligata dove il nemico è la noia.
Per questo da Milano è partita l’iniziativa che sta raccogliendo l’adesione di maghi di tutta Italia e anche presenze internazionali di spicco tra cui Marcelo Insua da Buenos Aires, Carmelo Cacciato da Parigi

Il motto dell’iniziativa è ambizioso ma curioso

“I maghi non si fanno imprigionare dai limiti della realtà. Sognano, stupiscono, creano illusioni e restano liberi”…

Diversi illusionisti hanno già aderito all’appello partito da Milano e con mezzi più o meno casalinghi stanno realizzando video con numeri di magia e soprattutto racconti della propria esperienza di come la magia possa dare sollievo in momenti di difficoltà anche estremi della vita.
L’avvio è stato dato dal CFM Centro formazione magica, associazione che si dedica all’apprendimento dell’Arte magica con i consigli, con il supporto tecnico di Sergio Testini e la consulenza scientifica di Carlo Alfredo Clerici, medico psicoterapeuta e ricercatore presso l’Università Statale di Milano. E’ stata creata una pagina Facebook intitolata: #magiacontrovirus
(https://www.facebook.com/magiacontrovirus/). L’idea nasce con l’obiettivo di portare alle persone i pensieri positivi e i momenti di allegria che la magia può donare

L’incertezza legata al proprio e altrui futuro sembra essere costante e quotidiana. La triste conta dei nuovi contagiati, deceduti, guariti diffusa da televisione e altri media genera una fatica e un allarme costante. La mancanza di impegni quotidiani rischia di lasciare ampio spazio alla noia, alle tensioni di una forzata vita in comune e campo libero a pensieri negativi sul presente e il futuro.
Ci si chiede anche come affrontare l’argomento con i bambini più piccoli che hanno bisogno di credere in un mondo magico e buono e rischiano di essere traumatizzati da questi eventi, considerando che gli stessi genitori non sono preparati ad affrontare una situazione del genere. In questa lotta quotidiana per preservare serenità e speranza può essere di aiuto la magia. Non parliamo certamente di pratiche superstiziose e dannose ma dell’arte scenica dell’illusionismo, che da sempre attrae la curiosità di grandi e piccoli. Già da tempo la magia è proposta per il suo valore terapeutico e riabilitativo in reparti come le pediatrie e le strutture di riabilitazione.

Esperienze di singoli pazienti e le biografie di famosi prestigiatori (come per esempio il prestigiatore argentino Renè Lavand che eseguiva numeri di grande successo pur essendo stato amputato all’arto superiore destro) mostrano infine come l’apprendimento della magia costituisca un’importante occasione di valorizzazione dell’autostima e di sviluppo di abilità psicologiche e di relazione.

La letteratura scientifica, tra cui un articolo pubblicato da poche settimane da alcuni degli studiosi e degli artisti coinvolti, descrive tra gli effetti positivi un’accresciuta abilità di ragionare in maniera non convenzionale e il supporto ad autostima, destrezza manuale e coordinazione fisica, oltre al miglioramento delle capacità comunicative, aumentando le capacità sensoriali e cognitive.

Tra i benefici non va dimenticato che assistere ai giochi di prestigio genera un senso di stupore nello spettatore legato al creare mondi alternativi e sviluppare l’immaginazione. La magia è una pratica che contribuisce a ridare speranza a persone che temono di averla perduta.

 

Dott. Carlo Alfredo Clerici

 

Per corrispondenza:
dott. Carlo Alfredo Clerici
medico chirurgo, specialista in psicologia clinica – psicoterapeuta
ricercatore Dipartimento di Oncologia ed Emato-Oncologia
Università degli Studi di Milano
e-mail: carlo.clerici@unimi.it

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *